Smetto quando voglio – Ad honorem

Terzo e ultimo capitolo della saga che vede protagonista la “banda” della Sapienza

TRAMA: Il film inizia un anno dopo gli eventi che hanno avuto luogo nel secondo capito della saga. Qui troviamo il nostro Pietro Zinni come l’avevamo lasciato cioè in carcere a Regina Coeli dove continua ad avvertire invano le forze dell’ordine che Walter Mercurio il cattivo della situazione è riuscito tramite un cromatografo ha sintetizzare il gas nervino ed è pronto a usarlo nella Sapienza. Quindi Pietro con un stratagemma riesce a farsi trasferire a Rebibbia dove incontra una vecchia conoscenza il “murena” che si scopre essere vecchio amico di Walter. Infine Pietro riunisce la banda e con l’aiuto del Murena riescono ad effettuare un’evasione per cercare di salvare la Sapienza.

TOP del film:

colonna sonora: come sempre al top una certezza in tutta la saga

le tematiche: in questa saga c’è tutto la fuga di cervelli la raccomandazione il non supporto alla ricerca. Pero c’è una differenza rispetto ad altri film che hanno già trattato questi temi mentre negli altri veleggiava una rassegnazione e tristezza nei protagonisti mentre in questo film i protagonisti anche nel momento più buio riescono a trovare la forza di reagire reinventandosi in un modo sicuramente non conforme se si pensa ad un ricercatore pero come viene detto nel film io questo so fare il chimico.

il Murena: la vera rivelazione di questo film l’avevamo lasciato nel primo capitolo dove aveva la parte del cattivo ma molto marginale invece in questo ultimo capitolo lo ritroviamo ad essere protagonista ed è lui la New entry della banda in questo capitolo

FLOP del film:

il secondo capitolo: alla luce di questo terzo capitolo il secondo risulta un po inutile considerando che molte cose se non tutte vengono riprese nel terzo

il cattivo: ecco se bisogna trovare un difetto in questa saga è quello di non esser riusciti ad caratterizzare a dovere la figura del cattivo dall’ altra parte si può dire che la scelta può essere spiegata dal fatto che i cattivi in questo film non sono molto differenti dai nostri eroi anzi…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...